La registrazione del vinile

A tutti noi sarà capitato di notare come la superficie di un disco in vinile sia corrugata in corrispondenza del brano musicale. Una corrugazione meno evidente è presente, invece, tra due brani adiacenti dello stesso disco. Se si osserva attentamente, ancor meglio con l'ausilio di una lente d'ingrandimento, la corrugazione in corrispondenza del brano musicale è disuniforme. Questa non uniformità apparente è dovuta alla conformazione del solco entro cui la punta della testina di riproduzione è costretta a muoversi. Ebbene, i solchi di un disco (master) sono incisi da una punta tagliente guidata da un sistema vibrante elettromeccanico (trasduttore elettromagnetico). In un disco stereofonico tale punta (stilo) è mossa da 2 trasduttori connessi a 90° tra loro e a 45° rispetto alla superficie del disco.
La Fig. 3 mostra schematicamente tale disposizione.

post4La punta tagliente vibra sotto l'azione dei trasduttori i quali a loro volta sono mossi dal segnale audio trasformato in equivalenti segnali elettrici. Il solco assume così una forma sinuosa di ampiezza variabile, visibile anche ad occhio nudo, che conferisce al disco la corrugazione di cui si è parlato prima. Il movimento che assume il solco di registrazione, avanti e indietro rispetto al centro del disco, è conosciuto come "modulazione del solco". Ovviamente l'ampieza di tale modulazione non può superare un certo limite altrimenti si avrebbe un'invasione del solco adiacente (sovrammodulazione). In fase di riproduzione lo strisciamento della testina nel solco produce un "fruscio" udibile, soprattutto quando il disco è stato usato più volte. Il segnale fonico dovrà quindi avere, in fase di registrazione, un'ampiezza non inferiore ad un valore minimo affinché il rapporto segnale/rumore in riproduzione abbia valori accettabili (58dB tipici). Nello stesso tempo l'ampiezza massima del segnale fonico non deve superare la soglia della sovramodulazione.
Questi due compromessi determinano la dinamica del segnale fonico registrato sul vinile (tipicamente 32-40dB).