lym 1.0t - prospettiva - 980px

Il regolatore di tensione stabilizzato

regolatore di tensione stabilizzatoIn un amplificatore audio, il circuito di alimentazione è quello che richiede maggiore spazio e distanza dal circuito di amplificazione. La soluzione ottimale è quella di dislocare l'alimentatore esternamente all'amplificatore audio riducendo così le classiche interferenze di natura elettromagnetica e alcuni problemi legati alla sua dissipazione di calore.

Purtroppo questo determina un aumento dei costi di produzione in buona parte legati alla costruzione di un secondo dispositivo distinto dall'amplificatore. E' tuttavia importante scegliere la tipologia dell' alimentatore, lineare o switching. Nel primo caso si avrà un alimentatore di qualità superiore ma a costi maggiori. Nel caso dell'alimentatore switching invece si avranno costi minori ma una qualità inferiore dovuta al classico ripple generato dalla commutazione ad alta frequenza degli elementi attivi. Tale ripple può rappresentare una fonte di rumore che, propagandosi attraverso i circuiti di alimentazione, può insinuarsi nel circuito d'ingresso dell'amplificatore corrompendo l'integrità del segnale audio.

Nel LYM 1.0T è stata adottata una soluzione circuitale che permette di utilizzare un alimentatore switching senza però rinunciare ai vantaggi di un alimentatore lineare; infatti all'interno del LYM 1.0T è stato implementato un post regolatore di tensione che elimina l'inevitabile ripple e stabilizza la tensione al valore ottimale di 13,68V. Il Post-Regolatore lineare stabilizzato permette inoltre di collegare all'amplificatore alimentatori di qualsiasi tipo con tensione di uscita variabile tra 17 e 19V e che siano in grado di erogare una corrente di almeno 2.5A.

Un diodo, inserito immediatamente dopo il connettore di alimentazione, evita che si alimenti l'amplificatore con tensione inversa. La serigrafia apposta sopra il connettore di alimentazione indica la corretta polarità e il range di tensione ammessa. L'utente avrà quindi la possibilità di servirsi di un banale alimentatore per notebook (magari già in suo possesso) evitando così ulteriori e inutili costi aggiuntivi.